Riqualificazione area porto canale, borgo San Giuliano

Riqualificazione ponte di Tiberio

Il Porto canale, nonostante mantenga ancora una genuina componente identitaria, oggi si presenta come isolato e avulso dalla città, frutto della giustapposizione di due “retri”: la banchina e la strada. É quindi venuto meno il ruolo, del porto canale, di sistema urbano portante e di elemento fondamentale di ricucitura del territorio, della città e della zona turistica. In generale si registra la mancanza di uno spazio aperto di qualità, sia per quel che riguarda le banchine, sia per la loro relazione con gli accessi e il lungo canale. Il sistema lungofiume, potrebbe invece offrire numerose opportunità di ricucitura con la città storica, per la molteplicità e qualità di spazi ed architetture che vi si affacciano, andando anche a ridare uno spazio idoneo agli imponenti accessi alla banchina che presupporrebbero un’area pedonale non solo di arrivo (banchina), ma anche di partenza (strada).

Obiettivo generale è quindi quello di ricucire e riqualificare i luoghi identitari della città, basandosi su un nuovo sistema di relazioni: asse portante di questo nuovo sistema è il porto canale, che da elemento isolato e dequalificato diventa luogo di connessione e ricucitura, da “retro” diventa spazio urbano di relazione, innescando processi di integrazione degli interventi in un’ottica complessiva di qualità e identità urbana.